> Storie di successo > Tutte le storie di successo > Come nasce un amore...

Tutte le storie di successo

Come nasce un amore...

Lui, 60 anni, del Nord; lei, 54 anni, del Sud

Caro Parship,
6 mesi fa ci siamo conosciuti attraverso il Vs. Servizio: vogliamo ringraziarVi e rendere pubblica la nostra storia, anche per incoraggiare gli altri ad utilizzare il Vs. servizio, che consideriamo serio e responsabile. Abbiamo cambiato solo i nostri due nomi: tutto il resto rappresenta la nostra storia, il nostro incontro, il ruolo che Parship ha svolto per noi e per la nostra felicità.
(lettera firmata)

Noi due

Mi chiamo Francesco, ho 60 anni, sono nato in un piccolo paese del Nord Italia, ed ho fatto il giramondo per quasi quarant'anni (per lavoro e per turismo); lei si chiama Chiara, ha 54 anni, è nata in una cittadina del Sud, lavora nel campo ospedaliero; a differenza di me, è molto radicata nella sua terra, dalla quale non si è praticamente mai spostata.
Il nostro passato è molto diverso: io non sono mai stato sposato, ho avuto qualche breve storia, ma ho sempre difeso la mia libertà (o non ho mai trovato la persona giusta); Chiara si è sposata giovane ed ha due figli (ormai grandi) che adora; poi sono subentrate difficoltà e da parecchi anni è separata.
I nostri piani per il futuro (al momento della nostra storia) erano invece, per alcuni aspetti, simili; vicino ai 60 anni, non pensavo più ad una vita di coppia: per me l'obiettivo era continuare a fare il giramondo fin quando possibile, e poi ritirarmi in un qualche pensionato, possibilmente bello e in riva al mare, dove passare serenamente gli ultimi anni (eventualmente facendo un pò di volontariato); per lei l'obiettivo più importante era essere d'aiuto ai figli, continuare il suo lavoro in ospedale fino alla pensione, e poi ritirarsi in un qualche pensionato, possibilmente bello e in riva al mare (in un posto con tanto sole!).

Ma andiamo con ordine nella nostra storia!

Francesco

Fine Maggio: sono ad Atene per lavoro; i postumi di un incidente non mi permettono di camminare molto: ceno in albergo, poi mi ritiro in camera; siccome c'è un collegamento internet, incomincio a navigare a caso, fin quando non mi imbatto in un sito strano (almeno in quel momento), con un nome strano ed una sede lontana: un sito che promette di incontrare persone nuove, e, perché no, la persona della propria vita; c'è anche la possibilità di ricevere il proprio profilo caratteriale: siccome mi interesso, a livello dilettantistico, di psicologia, incomincio quasi meccanicamente a riempire il formulario (devo pur passare la serata!): arrivo alla fine, chiudo il PC e me ne dimentico.
Quattro giorni dopo, sono in ufficio a Milano e controllo la posta: tra le tante mail degli ultimi giorni, un certo numero proviene da Parship (il sito strano di cui mi ero quasi dimenticato): ci sono anche alcune proposte di contatto! Comincia così un'avventura nuova, portata avanti tra incredulità e curiosità, dapprima titubante (alle prime richieste non rispondo nemmeno: il ricevere parecchie richieste di contatto in così pochi giorni mi riempie di dubbi!), poi, quasi preso dal gioco stesso, rispondo ad alcune di loro, inizio uno scambio di mail, ricevo qualche foto, decido anche di incontrare (non subito: sono molto timido, e cerco di dilazionare!) qualche persona...

Chiara

Febbraio: mese bellissimo perché in febbraio sono nata io, con tanta neve e tanta felicità per mamma e papà; ma anche mese che mi ha dato tanta amarezza: mese in cui mi sono separata, in cui ho avuto tanti dolori molto personali che vorrei rimuovere, mese, infine, anche di infortuni fisici. Un amico mi regala un abbonamento ad una rivista di Psicologia; sulla prima pagina trovo un coupon per l'iscrizione a Parship; dapprima esito, non lo voglio fare, passano giorni e alla fine, quasi per sfida, mi iscrivo per tre mesi. Non sono tuttavia soddisfatta del risultato, anzi, devo dire che sono decisamente delusa; ma, su insistenza di un'amica, mi iscrivo una seconda volta, anche se lo ritengo una perdita di tempo. Fine giugno: mando una mia foto a Francesco, senza scrivere niente, quasi con rabbia, tanto per tenere la mente occupata: ricevo un breve messaggio di risposta: "ho visto la tua bella foto, così solare, ... non ci sono messaggi; se è un errore scusami, in caso contrario...".

Francesco

Fine giugno: ricevo un messaggio con foto, anzi, solo la foto, perché non c'è scritto assolutamente niente (nemmeno il nome!); prima penso ad un errore, poi rispondo, nel modo il più possibile asettico! Lei mi risponde con tono gentile, iniziamo con qualche scambio di mail (tramite Parship), poi con scambio di sms, infine ci diamo un appuntamento telefonico: sono un carattere timido ed introverso, e il dover affrontare il telefono mi agita parecchio: per questo cerco di porre la telefonata avanti nel tempo, ma il giorno arriva! Mi colpisce la sua voce giovane e dolce; continuiamo a sentirci, e siccome lei deve andare a trovare sua figlia, decidiamo di incontrarci in una città del centro Italia (in campo neutro!); ma questa data viene spostata, diventa troppo lontana: allora decido di scendere io al Sud, di andare io da lei!

Chiara

In breve: i messaggi semplici, quasi sussurrati, il suo modo di fare gentile ed un pò timido, lo hanno fatto entrare in punta di piedi dentro di me. Decidiamo di incontrarci: in questo momento c'è soprattutto curiosità: è la prima volta che trovo una persona così, che si propone in modo così dolce, quasi sussurrato.

Francesco

Inizio Agosto: parto da Roma in macchina di buon mattino; spero che il viaggio sia abbastanza lungo, che non finisca mai: ma sono già arrivato! Ci siamo dati appuntamento al bar in un paese vicino al suo: vado in albergo, la chiamo, lei è già arrivata, devo scendere, non posso più fuggire! Lei è lì, seduta ad un tavolino, mi vede di lontano, si alza, ci salutiamo in modo alquanto impacciato; io resto praticamente muto, sono sudato, tremo un pò ...

Chiara

Ci incontriamo, lo guardo, mi piace, ma sento che è lontano, molto lontano da ciò che io cerco: è una persona introversa, parla poco di sé; andiamo a cena: Francesco parla soprattutto dei suoi viaggi, del suo lavoro, dei tanti posti che ha visitato, ma non parla di noi; ed allora mi gioco tutto: confesso che anch'io ho un grande desiderio: vedere Parigi; ricevo una risposta inaspettata: "Si può organizzare; quando hai una settimana libera?".
Ci lasciamo; la notte sono di turno in Ospedale: sono convinta che non ci sarà un seguito. E invece tutto è diverso; ci rivediamo i giorni successivi, visitiamo alcune località della mia zona, parliamo di Parigi, di come rivederci in futuro, di come organizzare il lavoro per stare più tempo insieme; Francesco si rivela una persona molto sensibile e rispettosa, ed io a poco a poco me ne innamoro fortemente; aumenta la nostra sintonia di coppia, si superano difficoltà familiari...

Noi due

Ci frequentiamo ormai da sei mesi; mesi in cui il nostro rapporto si è fatto sempre più forte: ci crediamo ogni giorno di più; stiamo insieme (a Roma, a Parigi, al suo paese, nella mia casa in Liguria, dovunque) tutte le volte che possiamo, e stiamo cercando di sistemare le nostre situazioni lavorative in modo che, nel più breve tempo possibile, si possa vivere insieme; nel frattempo, continuiamo ad incontrarci, ad amarci, a fare piani per il futuro.
E' strano, a questa età sentire battere forte il cuore, sussultare quando squilla il telefono, scoprirsi assorti a fantasticare ed immaginare il futuro, addormentarsi e sentirci vicini, vivere nell'attesa di rivederci e stringerci forte. Tutto questo immaginavamo accadere solo ai ragazzini, non a chi, come noi, ha alle spalle lunghi anni più o meno tranquilli ed i capelli oramai quasi tutti bianchi (almeno per me, Francesco!); e se qualcuno, anche solo pochi mesi fa, ce lo avesse prospettato, lo avremmo considerato un pazzo: ma proprio questo ci sta succedendo!
I giorni passati insieme sono sempre una cosa dolcissima, meravigliosa; anche le difficoltà, i tremori, l'affanno, il parlare poco, il restare in silenzio per lunghi momenti, tutto ora è bello e volto ad un unico scopo: scoprire a poco a poco un nuovo sentimento, un nuovo mondo e, se possiamo usare questo termine, il vero amore.

Prova Parship gratis

Io sono
Sto cercando

Si applicano le CGI e l’informativa sulla protezione dei dati personali. L’abbonamento gratuito prevede l’invio periodico di e-mail contenenti offerte relative all’abbonamento a pagamento e ad altri prodotti offerti da PE Digital GmbH (è possibile recedere in qualsiasi momento).

Error with static Resources (Error: 418)